06 Maggio 2021
News

Bucchioni: “Il Fondo ha toccato il fondo: il Milan non vale un Cazidis"

28-10-2019 10:47 - News
Come ogni lunedì, il prof. Enzo Bucchioni ha stilato i suoi Pagelloni per Sportiva.

“Oggi ragazzi una lavagna non basterà per metterci dietro tutti i cattivi. Voti bassi a sfare, vi avverto. E non portate giustificazioni per la pareggite, non venite accompagnati dalla mamma, a meno che non sia la mamma di Zaniolo, voto 8, ma questo è un altro discorso.
Dunque comincerei dal Milan, voto 2, e dal titolista anonimo: “Il Fondo ha toccato il fondo”, voto 1, tanto per cominciare. Il Fondo lo sapete è Elliott, naturalmente, proprietario del Milan. Come vi sembra “Il Milan vede le streghe?”, facciamo 3, ma la festa di Hallowen è vicina e Milano è piena di americani. Soprattutto Elliott che è americano, si spera capisca la situazione grave ma non seria, direbbe Flaiano voto 8. Ma c’è anche un titolista anonimo romano da 0---. Pio-li-schiaffi come lo vedete? Brrrr... Drastico quest’altro titolo: “Il Milan non vale un Cazidis”, volgare voto 2. Osho, voto 7, commenta così: “Invece di Padre Pio-li forse era meglio prendere il mago Otelma“. Il Vernacoliere, voto 6,5 titola: ”Il Milan non si alza più”. Commento del Monaco di Monza, al secolo Silvio Berlusconi, voto 7, intitolato: ”Io saprei come fare”. E te credo. Boban e Maldini intanto si beccano quattro, due per Maldini e due per Boban, che fanno? L’idea di mandare Suso e Biglia ad allenarsi in un allevamento di lumache non ha funzionato, l’autostima non è cresciuta. L’ultima idea geniale è quella di mandare Leao al circo. Brrrr... Questa per me 0---.
Boskov voto 7 ha commentato: “Il Milan per funzionare non doveva mettere indietro l’orologio di un’ora ma di venti anni...“. Saggezza pura.

L’università del Padule di Fucecchio, magnifico rettore Luciano Spalletti, voto 6,5, ha organizzato un convegno sul tema “Se Leonardo era un genio, Boban e Maldini cosa sono?”. I lavoro saranno aperti da Adriano Galliani, voto 7 alla carriera.
Lo stesso Galliani è stato invitato da Riccardo Cocciante per cantare la cover di “Bella senz’anima”, alias “Povero Diavolo che pena mi fai”, si esibiranno a Sanremo.
Per favore non apriamo il filone Diavolo altrimenti non ne usciamo più. Ricordo solo un evergreen: “Il Diavolo all’Inferno”, voto 0 che per ora non ha fatto nessuno. Lo faccio io e tutti sul rogo.

Tutti meno Marzullo che si interroga: “Se sogno il Diavolo e mi ritrovo in cucina con le pentole ma senza i coperchi, conviene non sognare o comprare un cucina nuova?”. Meglio giocatori nuovi, ma questa è un’altra vicenda. Il Diavolo vestiva Prada E adesso?
è nudo? Voto 1 per compassione.
Stop per favore.

Altri bocciati a Firenze dove la Lazio, voto 6,5, ha battuto la Fiorentina voto 5,5. L’arbitro Guida, voto 4, non ha visto un rigore per la Lazio e un fallo sul gol della vittoria di Immobile. Al Var c’era MazzoLeni, Mazzo di nome, Leni di cognome, voto 2, uno per mazzo e uno per leni che vince una scatola gigante contenente l’ultimo gioco messo in commercio dalla Giochi Preziosi, l’Allegro Varista. O se preferite il Varista Allegro che è meglio. Mazzo Leni è in pensione, forse anche per evitare altri casi del genere si vuole abolire quota cento e tornare alla Fornero.
Comunque l’arbitro era Guida.
Osho commenta: “se salgo su un’autobus e guida Guida me conviene scende finchè so in tempo”. Guida riceve in omaggio un modellino di Var in miniatura da montare direttamente nella sua cameretta. Inoltre una nota azienda produttrice di occhiali gli ha proposto un contratto come testimonial di una linea speciale chiamata “Vedo non vedo”. Boskov ha commentato: “rigore è quando Guida non fischia”. Voto 6---. Marzullo si è chiesto: “Se ho il Var e non vado al Var è perché ho finito la benzina o mi hanno fermato per Guida senza patente?”. Voto 3 per questa. Guida intervistato a fine gara ha ammesso: “Anch’io ho Commisso un errore”. Con questa potrei anche chiudere, ma insisto, voto 1. Ma anche Ribery è insufficiente per la sceneggiata finale con espulsione incorporata, voto 4. Vince il premio Cassano-Balotelli alla carriera. Pare che Ribery se la sia presa con un guardalinee che si chiama Passeri. Ribery contro Passeri. Prima di decidere l’entità della squalifica il giudice sportivo dovrà verificare se la caccia è aperta o no. Ragazzi, io insisto…se resistete, ma anche il titolista anonimo fiorentino, con “Lazio, che Ribery”, si becca 3.

Insufficiente pure la Juventus, voto 5, che non è riuscita a battere il Lecce voto 7. Il titolista anonimo pugliese non mi ha deluso. Eccolo: “Dopo il Milan anche la Juve nel Calderoni”, voto 2. Sarri, voto 7 alla carriera che ha commentato: “Dobbiamo buttarla dentro”. E’ stato immediatamente assunto come titolista dal Vernacoliere.
Il caso è sempre De Ligt, voto 4,5, che ha provocato il rigore per il Lecce. “DeLigt e Castigo” lo ripropongo è troppo bello, infatti non l’ha scritto nessuno. E allora vada per “DeLigt sempre spenta”. Voto 3. Si fa per risparmiare, naturalmente. Tanto prima o poi vedremo, s’accende DeLigt, scommettiamo?
Nel frattempo Del Piero, voto 2 all’abbigliamento, ha preferito andare per funghi. E Ronaldo, voto 8, nel week end se n’è andato a Alba a cercare tartufi. E la sera Tartaruga al tartufo, naturalmente.

Anche il Napoli, voto 5,5, s’è fatto fermare sull’uno a uno. Ancelotti voto 8 alla carriera, per la frase “se continuiamo a giocare così prima o poi vinciamo” vince il premio “Non è mai troppo tardi”. E un Tir di tisana alle erbe del Vesuvio per il nervosismo. Peggio ha fatto il titolista anonimo con “Napoli si ferma al palo”. Voto 3. Il Vernacoliere ha fatto “Per un Pelo”, ma visti i tempi è un titolo fuori moda. Boskov si è chiesto: “pareggiare per un pelo o per un palo dipende dai gusti. Sempre un punto è...”. Voto 7 alla saggezza.

Ma c’è anche qualche promosso.
Gasperini, voto 8, è sempre più l’allenatore del momento con l’Atalanta al terzo posto a tre punti dalla Juve e sette gol all’Udinese. E’ stato inviato al campionato mondiale di Settebello come ospite d’onore. Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i, voto 6,5, gli ha offerto un ruolo da protagonista del remake del film “I magnifici sette”. Il Vernacoliere, oggi di gran moda, ha titolato
“Gasp ne ha fatte sette”. Commento di Rocco e i suoi fratelli Siffredi, voto 6, dice “Neanche se lo vedo”.

Bene anche la Roma, voto 7 , che ha battuto il Milan come sappiamo. In gol Zaniolo, voto 7 anche a lui. Il titolista anonimo con “Il Pupino”, ha imboccato una strada pericolosa, voto 3. Uno è il Pupone, l’altro il Pupino, e chi vuol capire capisca. Zaniolo ha baciato la maglia vince il premio “Cyrano de Bergerac”. Un bacio, cosa vuoi che sia un bacio... Inoltre ha ricevuto in regalo la cassetta del film “Viola bacia tutti”, ogni riferimento è puramente casuale.

Ha vinto anche Thiago Motta al debutto sulla panchina del Genoa. Voto 7. Conoscendo Preziosi, se riuscirà a mangiare il panettone, è già pronta una linea Thiago... “Panettone Thiago Motta”. Questa per me voto sottozero...

Ma non è finita. Mi dicono che a Bologna al gol della vittoria sulla Sampdoria hanno cominciato a cantare “Sugli Sugli Bani Bani”... Sprofondo... Comunque a Bani voto 7, gol fondamentale. Ranieri battuto, voto 4,5, ha commentato: ”Dirò a Ferrero che siamo nella Nutella”. Lucido.

Nandez ha segnato il primo gol in Serie A nell’importante pareggio del Cagliari a Torino. Voto 7. Dice che il centrocampista uruguagio piace alla Roma, ”A’ Nandez”... Oggi forma strepitosa.

E che dire di Icardi? Doppietta con il Psg, prestazione da 8. Parole da 4. “Il Paris Saint Germain è la miglior squadra dove abbia mai giocato, qui c’è alchimia”. Icardi vince il premio “Sassolino nella scarpa 2019”.

Bocciato Balotelli, tanto per cambiare 4. Ha preso a calci una macchina fotografica dietro una porta di Marassi urlando “zio Canon”. Questa vale un turno di sospensione. Perciò non vi parlo di Kulusevski, voto 7,5, che è stato il migliore in campo nel confronto con Lukaku. Abbiamo già dato.

E dirò poco dell’ennesimo pasticcio della Ferrari, voto 4,5. Gianni e Binotto voto 4 parlerà oggi alla Università dell’albicocca di Milano sul tema “Fra un Van Clausewitz e un Van Marcedes”, varie ed eventuali.

Chiudo con un bel voto per il nostro amico ascoltator Max? facciamo 7. Per lui Npoku eccessiva l’espulsione con rigore durante Atalanta-Udinese…. Max sei anche tu sulla cattiva strada….
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Per qualsiasi richiesta di informazioni effettuata tramite questo sito si considerano valide le informazioni sotto riportate
Dati personali relativi agli utenti (art. 13 D.Lgs. 196/2003)
Gentile utente, nel ricordarle che siamo a Sua disposizione per ogni ulteriore delucidazione, in relazione ai dati personali a noi necessari per poter dare esito alle Sue richieste e nel rispetto di quanto previsto dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), in particolare dagli artt. 13 (Informativa) e 23 (Consenso), Le forniamo le seguenti informazioni:

Per poter entrare a far parte della comunità on-line di Radio Sportiva e accedere ad alcuni servizi (richieste di informazioni, richieste di registrazione) è necessario effettuare la registrazione al sito (www.radiosportiva.com). Durante la registrazione all'utente sono richiesti dati personali.

I dati vengono archiviati in una banca di dati e trattati secondo l'art. 7 - Codice in materia di protezione dei dati personali - Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

FINALITA' DELLA RACCOLTA E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
I Suoi dati vengono raccolti per poterla contattare in caso di problemi, per poterle inviare informazioni generiche, comunicazioni di aggiornamenti etc.

DIRITTI DELL'INTERESSATO - UTENTE
In base a tale articolo l'utente ha il diritto di ottenere:
- l'aggiornamento, la rettifica e l'integrazione dei dati che lo riguardano;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge,
- l'interessato ha il diritto di opporsi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, sebbene pertinenti allo scopo della raccolta;
- ha il diritto di opporsi al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
- la conferma o meno di dati che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;
- l'indicazione dell'origine dei dati personali, delle finalità e modalità di trattamento, della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici, degli estremi identificativi del titolare e del responsabile e dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati;
MODALITA' DEL TRATTAMENTO
I dati personali oggetto di trattamento sono
- trattati in modo lecito e secondo correttezza
- raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento in termini compatibili con tali scopi;
- esatti e, se necessario, aggiornati;
- pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati;
- È prevista l'adozione di ogni misura idonea a garantire la riservatezza e la sicurezza dei Suoi dati personali che, unitamente alla richiesta formulata, giungeranno sotto forma di mail ai nostri indirizzi (redazione@radiosportiva.com). I suoi dati potranno essere mantenuti nei nostri archivi per comunicazioni future.
- conservati in una forma che consenta l'identificazione dell'interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati.
- I dati possono essere archiviati su server SitoPer.it oppure in copia di sicurezza archiviati dal proprietario del sito internet.
AMBITO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI
- I dati da Lei forniti saranno trattati esclusivamente da personale esplicitamente incaricato con strumenti automatizzati e potranno essere comunicati a terzi solo nel caso in cui ciò sia necessario per la fornitura del servizio e/o del prodotto richiesto.
- I dati possono essere accessibili da amministratori ed utenti gestori del sito internet

MISURE DI SICUREZZA
I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati, anche in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico, alla natura dei dati e alle specifiche caratteristiche del trattamento, in modo da ridurre al minimo, mediante l'adozione di idonee e preventive misure di sicurezza, i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati stessi, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta.

NATURA DEL CONFERIMENTO E CONSEGUENZE DI UN EVENTUALE RIFIUTO DI RISPONDERE
Il conferimento dei Suoi dati (limitatamente ai dati richiesti come obbligatori) è obbligatorio poiché, in mancanza, potrebbe risultare pregiudicata la possibilità di recapitaLe una risposta. Gli ulteriori dati (i dati opzionali) sono facoltativi ed il loro mancato conferimento non inficia la possibilità di ottenere risposta da parte nostra.

Per maggiori informazioni visita il sito del garante per la protezione dei dati personali:
Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali
(http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento di dati personali è Radio Sportiva, Priverno S.a.s., Via G. Da Verrazzano 16, 56038 Ponsacco (PI), Tel. 0587 2861 - e-mail: redazione@radiosportiva.com
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio