27 Novembre 2020
News

I pagelloni del prof. Bucchioni: "A Kean il premio Cassano alla carriera"

14-10-2019 10:21 - News
I pagelloni del lunedì di Enzo Bucchioni

"Cari amici, fermo il campionato c’è da discutere della Nazionale, ma non solo di quella. Ne sono successe di tutti i colori fra esoneri e amenità varie. E’ riapparso perfino Berlusconi tornato a parlare di Milan: Lo vedremo. Intanto voto 8 alla carriera, che per qualcuno è come rivedere la Madonna. Alla Madonna voto 10 con lode….naturalmente.

Ma cominciamo dalla Nazionale che s’è qualificata per gli Europei, voto 7, e dalla inedita maglia verde, voto 0---, indossata contro la Grecia che ha tenuto banco nelle discussioni. I titolisti anonimi vanno direttamente sul podio dei bocciati e si beccano pure loro 0--- come la maglia. Sapete come hanno titolato ben cinque giornali fra quelli che ho visto io? Italia, Semaforo verde. Un caso di spionaggio industriale o semplicemente il sospetto che il suggerimento sia venuto dall’ufficio marketing dell’azienda che s’è inventata la maglia verde?

Osho, voto 7, ha commentato: se il colore della maglia significa semaforo verde per l’Italia di Mancini per quella di Ventura ci voleva una maglia marrone per celebrare il colore della sua Italia, una squadra di m…? Non ci hanno pensato…Per me voto 2…Un po’ di rispetto perdiana…

Della vicenda s’è interessato anche Vespa, voto 4, il presentatore più fastidioso della Tv che ha messo in onda una puntata speciale di Maglia a Maglia. In studio lo psicologo Crepet tu che è meglio, voto 4,5, per spiegare il messaggio subliminale che arriva dalla nazionale: l’Italia è al verde. Ma si sapeva.

Il presidente della Federcalcio Situazione Gravina ma non seria, voto 4, per farsi perdonare dovrà cantare a cappella la cover di Azzurro di Celentano, voto 7, per una settimana intera direttamente dalle finestre di via Allegri. Boskov, voto 6,5, ha commentato: se l’Italia ha deciso di vestire la maglia del Camerun vada a giocare la coppa d’Africa. Ma s’è rischiato anche l’incidente diplomatico. La Grecia, voto 5,5, in un primo tempo s’era ribellata: "Meritiamo di giocare con tutta l’Italia non solo con la Padania". Questa per me voto 1.

Marzullo, voto 4,5, ha commentato: Se sogni e ti appare Belen vestita solo con la maglia verde la mandi via perché preferivi l’azzurro?". Mi sembra logico...i valori sono valori…

Comunque l’Italia ha vinto e quello è l’importante. Mancini, voto 8, ha fatto sette vittorie su sette, s’è qualificato con tre giornate d’anticipo. Un record. Ha spiegato: sono soddisfatto ora voglio far rivivere agli italiani le notti magiche di Italia 90. Il Vernacoliere, voto 6,5, ha titolato "Il Viagra di Mancini". Ecco il segreto del Ct per farci tornare quelli delle notti di 30 anni fa. Auguri.

Buona notizia, sempre di questi giorni, il ritorno di Gianluca Vialli, voto 8 alla carriera, che diventa Capo della delegazione azzurra. A Vialli il premio "Sei tutti noi" consegnato direttamente dall’affetto degli italiani.

Ma pensando alla Nazionale viene in mente anche un altro grande ex, Roberto Baggio, voto 9 alla carriera, che in questi giorni ha confessato"sono passati 25 anni e ogni notte sogno ancora quel maledetto rigore di Pasadena". Neanche fosse Marzullo. Così I due sono stati invitati a un dibattito pubblico dall’Università del Padule di Fucecchio sul tema "Sognare aiuta a vivere o sognare è una bella rottura di maroni?". Lo sapremo presto.

Intanto i bookmakers inglesi, voto 3, hanno cominciato a quotare chi smetterà di sognare prima fra Baggio e Marzullo. Si accettano scommesse… Baggio nel frattempo ha guadagnato il ritorno a Sanremo dove canterà con De Gregori la versione definitiva di "Non è da un calcio di rigore che si giudica un calciatore".

In questi giorni ha giocato anche l’Under 21, voto 5,5, pareggiando zero a zero con l’Irlanda. Espulso Moise Kean per fallo di reazione, voto 3. Vince il premio "Cassano" alla carriera. Kean riceverà direttamente a casa sua un tir di tisana e una statua in bronzo di Balotelli da mettere nella sua cameretta.

Da un Kean a un Can, più o meno è lo stesso. Emre Can, voto 3, espulso dopo 14 minuti nella gara della Germania contro l’Estonia. A lui un tir di camomilla direttamente a casa sua corredato da un botticella da San Bernardo da tenere rigorosamente sotto la gola per i prossimi quindici giorni durante gli allenamenti di Sarri. Emre Can parlerà domani all’Università di Vinchiaturo in compagnia del noto calciatore giapponese Joco poco, ma joco, per spiegare come allenare il carattere a resistere nei periodi di scarsa vena. Osho, voto 6,5, ha commentato: se ti hanno chiamato Can vedendoti giocare al pallone un motivo ci sarà… Non è detto.

Ma avanti un altro. In questi giorni ha parlato anche Ronaldo il Fenomeno, voto 8,5 alla carriera. Ha detto in sostanza: "Massimo Moratti ha preferito Cuper a me". Che è un po’ come preferire la Mazzamauro a Claudia Schiffer. A Moratti, voto 2, va il premio Ci se o ci fai alla carriera. Una nota catena di supermercati del made in Italy ha chiesto a Moratti di diventare testimonial della prossima campagna pubblicitaria "Pane e Volpe" e sai cosa mangi.


Ma che fine ha fatto Cuper? Chiedere alla signora Moratti alla quale è stato inviato in omaggio un campione di prova della notissima crema antirughe Cera di Cuper. Fa miracoli. Rimanendo a quei tempi, ricordate Faustino Asprilla ex giocatore del Parma? Voto 6,5 alla carriera, voto 2 oggi. E’ stato ricoverato per un intervento alla mano sinistra a causa del troppo uso di messaggi su twitter. Vince il premio "Una mano lava l’altra" alla carriera. Sarà l’attore protagonista del remake del film Nick mano morta.

Ma questi sono stati anche i giorni del Milan che raggrupperei in un voto collettivo 2. Nove allenatori cambiati in cinque anni, dirigenti bruciati come legna sul camino, centinaia di milioni sperperati sul mercato. Il tutto racchiuso in uno slogan Ci hai rotto il Cazidis. Che poi è quello che Giampaolo, voto 6,5 alla carriera, ha urlato in faccia al dirigente rossonero prima di essere esonerato.

Gazidis, voto 1---, vince un tir di carta igienica regalata direttamente da Silvio Berlusconi, voto 8 ormai meglio conosciuto come il Monaco di Monza. Visto che per Berlusconi il dirigente rossonero dovrebbe parlare solo al cesso, è anche logico dotarlo dell’attrezzatura necessaria

A questo proposito, visto che c’è cesso e cesso, lo stesso Gazidis è stato invitato a una visita guidata di tutti i cessi delle case di proprietà di Silvio in Italia e all’estero. Si calcola che avrà finito il giro fra un paio d’anni, senza di lui probabilmente ritroverà il Milan in Europa. Lo stesso Gazidis sarà il protagonista del film di Aurelio De Laurentiis, voto 6, rigorosamente con due i, Natale al cesso.

Questa storia del Milan salvato dalla serie D ha fatto infuriare a tal punto Berlusconi Monaco di Monza che s’è allargato "Il Milan tornerà grande solo se torno io". IL problema è spiegarlo a Yonghong Li, voto 0---

Il nuovo allenatore è Stefano Pioli, voto 6 alla carriera voto 8 alla persona. Il titolista anonimo ha fatto peggio di lui. Per il titolo Ecco Padre Pio-li voto 2. L’allenatore ha spiegato: "Sono qui per vincere". Immediatamente gli è stato consegnato il premio "Vorrei ma non posso" con una gigantografia di Gattuso a cavallo da appendere nel soggiorno di casa. Nel sentire da Pioli la parola vincere Boban e Maldini, voto 2, 1 per Boban e uno per Maldini, stanno già pensando di richiamare Giampaolo. L’Università dell’Albicocca di Milano per l’occasione ha inaugurato un corso di recupero per dirigenti del Milan che sarà tenuto da Adriano Galliani, voto 7.

E’ tornato in panchina anche Claudio Ranieri, voto 6 alla carriera facendo la media fra diversi 4 rimediati qua e la e l’otto del Leicester. Allenerà la Sampdoria. Auguri Per prima cosa ha chiesto la costruzione di un muro da mettere davanti alla porta per le gare in casa mentre in trasferta sarà usato direttamente il pullman messo di traverso. Ha sempre funzionato così.

Fra le cose lette in giro voto 1 a un sito milanista che ha chiamato Lupakku il centroavanti dell’Inter. Si sono montati la testa, pensavano di dover fare i Pagelloni? Mi vogliono rubare il mestiere? Lupakku, se ci ripenso Abbasso il voto a 0---

Uno di incoraggiamento invece a quelli della Ferrari che hanno perso l’ennesimo mondiale costruttori in attesa del titolo di Hamilton. Gianni e Binotto, voto 4, pare abbia voglia di fare come l’Italia, pitturare di verde le Ferrari. Ferrari, semaforo verde vuoi mettere del solito Ferrari, semaforo rosso? Meditate gente, meditate.
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Per qualsiasi richiesta di informazioni effettuata tramite questo sito si considerano valide le informazioni sotto riportate
Dati personali relativi agli utenti (art. 13 D.Lgs. 196/2003)
Gentile utente, nel ricordarle che siamo a Sua disposizione per ogni ulteriore delucidazione, in relazione ai dati personali a noi necessari per poter dare esito alle Sue richieste e nel rispetto di quanto previsto dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), in particolare dagli artt. 13 (Informativa) e 23 (Consenso), Le forniamo le seguenti informazioni:

Per poter entrare a far parte della comunità on-line di Radio Sportiva e accedere ad alcuni servizi (richieste di informazioni, richieste di registrazione) è necessario effettuare la registrazione al sito (www.radiosportiva.com). Durante la registrazione all'utente sono richiesti dati personali.

I dati vengono archiviati in una banca di dati e trattati secondo l'art. 7 - Codice in materia di protezione dei dati personali - Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

FINALITA' DELLA RACCOLTA E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
I Suoi dati vengono raccolti per poterla contattare in caso di problemi, per poterle inviare informazioni generiche, comunicazioni di aggiornamenti etc.

DIRITTI DELL'INTERESSATO - UTENTE
In base a tale articolo l'utente ha il diritto di ottenere:
- l'aggiornamento, la rettifica e l'integrazione dei dati che lo riguardano;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge,
- l'interessato ha il diritto di opporsi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, sebbene pertinenti allo scopo della raccolta;
- ha il diritto di opporsi al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
- la conferma o meno di dati che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;
- l'indicazione dell'origine dei dati personali, delle finalità e modalità di trattamento, della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici, degli estremi identificativi del titolare e del responsabile e dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati;
MODALITA' DEL TRATTAMENTO
I dati personali oggetto di trattamento sono
- trattati in modo lecito e secondo correttezza
- raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento in termini compatibili con tali scopi;
- esatti e, se necessario, aggiornati;
- pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati;
- È prevista l'adozione di ogni misura idonea a garantire la riservatezza e la sicurezza dei Suoi dati personali che, unitamente alla richiesta formulata, giungeranno sotto forma di mail ai nostri indirizzi (redazione@radiosportiva.com). I suoi dati potranno essere mantenuti nei nostri archivi per comunicazioni future.
- conservati in una forma che consenta l'identificazione dell'interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati.
- I dati possono essere archiviati su server SitoPer.it oppure in copia di sicurezza archiviati dal proprietario del sito internet.
AMBITO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI
- I dati da Lei forniti saranno trattati esclusivamente da personale esplicitamente incaricato con strumenti automatizzati e potranno essere comunicati a terzi solo nel caso in cui ciò sia necessario per la fornitura del servizio e/o del prodotto richiesto.
- I dati possono essere accessibili da amministratori ed utenti gestori del sito internet

MISURE DI SICUREZZA
I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati, anche in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico, alla natura dei dati e alle specifiche caratteristiche del trattamento, in modo da ridurre al minimo, mediante l'adozione di idonee e preventive misure di sicurezza, i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati stessi, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta.

NATURA DEL CONFERIMENTO E CONSEGUENZE DI UN EVENTUALE RIFIUTO DI RISPONDERE
Il conferimento dei Suoi dati (limitatamente ai dati richiesti come obbligatori) è obbligatorio poiché, in mancanza, potrebbe risultare pregiudicata la possibilità di recapitaLe una risposta. Gli ulteriori dati (i dati opzionali) sono facoltativi ed il loro mancato conferimento non inficia la possibilità di ottenere risposta da parte nostra.

Per maggiori informazioni visita il sito del garante per la protezione dei dati personali:
Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali
(http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento di dati personali è Radio Sportiva, Priverno S.a.s., Via G. Da Verrazzano 16, 56038 Ponsacco (PI), Tel. 0587 2861 - e-mail: redazione@radiosportiva.com
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio