22 Settembre 2020
News

"La B a 19? Nessun golpe, avevano diritto"

31-10-2018 18:33 - News
Il Presidente della Serie B Mauro Balata è intervenuto a Radio Sportiva per chiarire il caos legato alla cadetteria all'indomani dell'Assemblea Federale. Ecco i principali temi trattati:

Sul consiglio federale: "Fare la pecora nera non mi piace. Non ci tengo molto. Il presidente Gravina è stato assolutamente gentile, accogliente. Ha condotto il consiglio con grande personalità e serenità. Non c'è stato alcun problema".

Sulla B a 19 squadre: "Uso ancora il condizionale. Dopo quello che abbiamo visto e passato, aspettiamo ancora questi 15 giorni, poi si vedrà. C'è stata una discussione estremamente approfondita ma anche molto pacata. E' stato il Presidente stesso che ci ha chiesto di fare una riflessione comune con assunzione di responsabilità da parte di tutti. La grande sfida è quella delle riforme che servono per migliorare il mondo calcistico di cui tutti parlano da tempo e che però bisogna fare. Spero sia l'anno delle riforme per il calcio, ci sono davvero tante cose da fare".

Sulla riforma della giustizia sportiva: "Il problema è capire quando ci si deve fermare. Esiste il tema dell'autonomia della giustizia sportiva del calcio, un tema delicato di cui ha parlato in tempi recenti anche il presidente della Fifa Infantino. La giustizia sportiva aveva preso decisioni rapide, il problema è che queste decisioni non sono state accettate, e la situazione è diventata schizofrenica. Iniziative giudiziarie che non abbiamo voluto noi".

Sul 'golpe' detto da Lo Monaco: "Mamma mia. Se un nuovo consigliere federale si esprime con questa continenza lascio a voi giudicare, non lo sapevo. Francamente mi cascano le braccia..."

Sul caso Entella: "Non amo fare considerazioni su vicende che sono ancora pendenti dal punto di vista giudiziario. C'è un'udienza il 6 novembre al Tar del Lazio e anche un problema di un'eventuale riscrittura della classifica che vedrebbe l'Entella a pari punti col Novara, che a sua volta ha istanze. Io a questo punto non dico più nulla, ci possiamo aspettare di tutto, io ieri ho cercato di ripercorrere tutti i passaggi di questa situazione di schizzofrenia giudiziaria, durante il consiglio federale. Noi abbiamo iniziato un campionato con 19 società regolarmente iscritte per titoli guadagnati sul campo e per licenze riconosciute e rilasciate dalla Federcalcio, con delibere pubbliche. Non so quale sia il nostro peccato originale. Io credo che tutti i giudici che si sono espressi in questa vicenda hanno affermato un principio: che il bene che va tutelato in modo prioritario è quello della competizione sportiva, della tutela dei milioni di tifosi della B ed anche delle società che hanno titolo a parteciparvi. Il resto sono concetti che non comprendo".

Sulla B del futuro: "Le 19 squadre non è una scelta imposta da noi. Queste erano le squadre che avevano diritto a fare il campionato. Sul format del campionato dovrò fare un passaggio con gli organi statutari della mia Lega e poi con la Federcalcio".

Sul VAR in B: "Non è un'utopia. Ci sono due tipi di problemi: uno legato alla classe arbitrale: ci deve essere una squadra formata per la B. Il secondo è un problema di costi da affrontare, noi abbiamo meno risorse rispetto alla A. Su questo c'è bisogno di un'azione comune tra noi e la Federazione affinché il Governo metta mano alla famosa legge Melandri, con una percentuale di mutualità che va rivista, noi siamo al 6%. A quel punto anche noi potremmo investire sulla tecnologia. Io sono assolutamente favorevole al Var, uno strumento che porta giustizia e serenità".

[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Per qualsiasi richiesta di informazioni effettuata tramite questo sito si considerano valide le informazioni sotto riportate
Dati personali relativi agli utenti (art. 13 D.Lgs. 196/2003)
Gentile utente, nel ricordarle che siamo a Sua disposizione per ogni ulteriore delucidazione, in relazione ai dati personali a noi necessari per poter dare esito alle Sue richieste e nel rispetto di quanto previsto dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), in particolare dagli artt. 13 (Informativa) e 23 (Consenso), Le forniamo le seguenti informazioni:

Per poter entrare a far parte della comunità on-line di Radio Sportiva e accedere ad alcuni servizi (richieste di informazioni, richieste di registrazione) è necessario effettuare la registrazione al sito (www.radiosportiva.com). Durante la registrazione all'utente sono richiesti dati personali.

I dati vengono archiviati in una banca di dati e trattati secondo l'art. 7 - Codice in materia di protezione dei dati personali - Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

FINALITA' DELLA RACCOLTA E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
I Suoi dati vengono raccolti per poterla contattare in caso di problemi, per poterle inviare informazioni generiche, comunicazioni di aggiornamenti etc.

DIRITTI DELL'INTERESSATO - UTENTE
In base a tale articolo l'utente ha il diritto di ottenere:
- l'aggiornamento, la rettifica e l'integrazione dei dati che lo riguardano;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge,
- l'interessato ha il diritto di opporsi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, sebbene pertinenti allo scopo della raccolta;
- ha il diritto di opporsi al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
- la conferma o meno di dati che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;
- l'indicazione dell'origine dei dati personali, delle finalità e modalità di trattamento, della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici, degli estremi identificativi del titolare e del responsabile e dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati;
MODALITA' DEL TRATTAMENTO
I dati personali oggetto di trattamento sono
- trattati in modo lecito e secondo correttezza
- raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento in termini compatibili con tali scopi;
- esatti e, se necessario, aggiornati;
- pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati;
- È prevista l'adozione di ogni misura idonea a garantire la riservatezza e la sicurezza dei Suoi dati personali che, unitamente alla richiesta formulata, giungeranno sotto forma di mail ai nostri indirizzi (redazione@radiosportiva.com). I suoi dati potranno essere mantenuti nei nostri archivi per comunicazioni future.
- conservati in una forma che consenta l'identificazione dell'interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati.
- I dati possono essere archiviati su server SitoPer.it oppure in copia di sicurezza archiviati dal proprietario del sito internet.
AMBITO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI
- I dati da Lei forniti saranno trattati esclusivamente da personale esplicitamente incaricato con strumenti automatizzati e potranno essere comunicati a terzi solo nel caso in cui ciò sia necessario per la fornitura del servizio e/o del prodotto richiesto.
- I dati possono essere accessibili da amministratori ed utenti gestori del sito internet

MISURE DI SICUREZZA
I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati, anche in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico, alla natura dei dati e alle specifiche caratteristiche del trattamento, in modo da ridurre al minimo, mediante l'adozione di idonee e preventive misure di sicurezza, i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati stessi, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta.

NATURA DEL CONFERIMENTO E CONSEGUENZE DI UN EVENTUALE RIFIUTO DI RISPONDERE
Il conferimento dei Suoi dati (limitatamente ai dati richiesti come obbligatori) è obbligatorio poiché, in mancanza, potrebbe risultare pregiudicata la possibilità di recapitaLe una risposta. Gli ulteriori dati (i dati opzionali) sono facoltativi ed il loro mancato conferimento non inficia la possibilità di ottenere risposta da parte nostra.

Per maggiori informazioni visita il sito del garante per la protezione dei dati personali:
Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali
(http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento di dati personali è Radio Sportiva, Priverno S.a.s., Via G. Da Verrazzano 16, 56038 Ponsacco (PI), Tel. 0587 2861 - e-mail: redazione@radiosportiva.com
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio