29 Settembre 2020
News

"Non è Icardi che deve aiutare l'Inter, ma l'Inter che deve aiutare Icardi"

19-01-2019 23:40 - News
Gianfranco Teotino è intervenuto in diretta a Sportiva per rispondere alle domande degli ascoltatori in "Microfono Aperto".

SULL'INTER: "Il discorso dei cambi di Spalletti non so fino a che punto tiene, perché contro il Sassuolo sono stati il tentativo di migliorare una situazione deficitaria sul piano offensivo e in verità lo hanno fatto. La preoccupazione è sulla qualità del gioco offensivo della squadra, perché dopo 20 giornate l'Inter ha il sesto attacco della Serie A e fa molta fatica a creare occasioni. L'ultima volta che ha segnato 2 gol in una partita è stato contro la Roma, a dicembre. C'è un problema anche di rendimento di Icardi e bisogna iniziare a pensare a una seconda punta che gli giri intorno. Non è possibile che l'Intet giochi nella formazione base con un secondo attaccante, che è Politano, che in 20 partite di campionato, segna 2 gol. L'idea di una difesa a tre e due punte non sarebbe da scartare.
Sento grandi critiche per Perisic, ma occupa una posizione di campo che non gli permette di far vedere le sue cose migliori: parte troppo avanti, mentre avrebbe una gamba fantastica per partire da lontano e fare cross. Lui come Politano, che è brillantino e fa sempre belle cosine, non riempiono l'area di rigore: è questo il problema dell'Inter, non Icardi".

SUL RINNOVO DI ICARDI: "Sono 40 giorni che ha avuto un calo di condizione e altrettanti che si discute del rinnovo che non arriva: è facile vedere dei legami tra la sua insoddisfazione per il rapporto con la società e la sua incidenza in campo. Credo che l'Inter debba risolvere questa situazione il più in fretta possibile anche per dare tranquillità all'ambiente. Spalletti si era complimentato con Icardi perché aveva partecipato al gioco della squadra più del passato, ma il problema è che non è Icardi che deve aiutare l'Inter, ma l'Inter che deve aiutare Icardi, sennò non fa gol nessuno".

SULL'OPERAZIONE HIGUAIN-PIATEK: "E' ovvio che Higuain è un grande campione a livello internazionale, mentre Piatek è un giocatore che abbiamo scoperto in Italia negli ultimi 6 mesi e che non era nemmeno nel 23 della Polonia che sono andati ai Mondiali, mentre c'era Kownacki, che nella Sampdoria non gioca mai. Dire che il Milan ci guadagni è molto difficile, ma Higuain finora non è stato lui nel Milan: molte colpe sono del club, ma molte sono pure sue. L'idea di prendere un ragazzo di 23 anni che ha fatto così bene qualche speranza per il futuro, se non per il presente, la dà".

SULLA ROMA: "Non sta bene in campo, pur avendo un sacco di giocatori interessantissimi, come Zaniolo, che ci entusiasma per quello che fa, per il suo fisico e il suo talento. Una squadra con giocatori così importanti, sia giovani che meno giovani, che oggi per la terza volta in campionato si è fatta rimontare due gol da squadre decisamente inferiori, è evidente che abbia degli squilibri: Di Francesco non ha ancora trovato la quadra. La Roma dovrebbe lottare con l'Inter e il Napoli per il quarto posto, non può navigare tra il quarto e il sesto".

SUL TORINO: "E' abbastanza un mistero, perché non gioca un brutto calcio. Le idee ci sono, ma vedo troppi giocatori fuori ruolo, non solo oggi che mancavano Baselli, Meité e Lukic. Iago Falqué trequartista io non lo vedo: deve giocare con la linea di fianco, sennò va in confusione. Forse, se c'è una critica da fare a Mazzarri, è quella di voler piegare troppo i giocatori attorno alla sua idea di calcio".

SU ZANIOLO: "E' stato bruttissimo errore della Fiorentina, ma poi l'ha fatto anche l'Inter, quindi direi che c'è un problema anche serio in Italia con i giovani, perché se due società così non riconoscono un potenziale crack siamo messi male".

SU SARRI: "Aveva cominciato benissimo al Chelsea e aveva ridato entusiasmo al pubblico, poi qualcosa in queste ultime settimane si è fermato e si sono creati problemi tra lui e i suoi due centravanti, Morata e Giroud. Sarri ha cominciato a far giocare Hazard centravanti, forse nella speranza di ripetere la mossa Mertens, ma così rende un quarto. Si è un po' incartato ed è un momento non felice. È convinto di poterlo risolvere con Higuain, ma vedremo che Higuain arriverà a Londra da Milano".
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Per qualsiasi richiesta di informazioni effettuata tramite questo sito si considerano valide le informazioni sotto riportate
Dati personali relativi agli utenti (art. 13 D.Lgs. 196/2003)
Gentile utente, nel ricordarle che siamo a Sua disposizione per ogni ulteriore delucidazione, in relazione ai dati personali a noi necessari per poter dare esito alle Sue richieste e nel rispetto di quanto previsto dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), in particolare dagli artt. 13 (Informativa) e 23 (Consenso), Le forniamo le seguenti informazioni:

Per poter entrare a far parte della comunità on-line di Radio Sportiva e accedere ad alcuni servizi (richieste di informazioni, richieste di registrazione) è necessario effettuare la registrazione al sito (www.radiosportiva.com). Durante la registrazione all'utente sono richiesti dati personali.

I dati vengono archiviati in una banca di dati e trattati secondo l'art. 7 - Codice in materia di protezione dei dati personali - Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

FINALITA' DELLA RACCOLTA E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
I Suoi dati vengono raccolti per poterla contattare in caso di problemi, per poterle inviare informazioni generiche, comunicazioni di aggiornamenti etc.

DIRITTI DELL'INTERESSATO - UTENTE
In base a tale articolo l'utente ha il diritto di ottenere:
- l'aggiornamento, la rettifica e l'integrazione dei dati che lo riguardano;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge,
- l'interessato ha il diritto di opporsi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, sebbene pertinenti allo scopo della raccolta;
- ha il diritto di opporsi al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
- la conferma o meno di dati che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;
- l'indicazione dell'origine dei dati personali, delle finalità e modalità di trattamento, della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici, degli estremi identificativi del titolare e del responsabile e dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati;
MODALITA' DEL TRATTAMENTO
I dati personali oggetto di trattamento sono
- trattati in modo lecito e secondo correttezza
- raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento in termini compatibili con tali scopi;
- esatti e, se necessario, aggiornati;
- pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati;
- È prevista l'adozione di ogni misura idonea a garantire la riservatezza e la sicurezza dei Suoi dati personali che, unitamente alla richiesta formulata, giungeranno sotto forma di mail ai nostri indirizzi (redazione@radiosportiva.com). I suoi dati potranno essere mantenuti nei nostri archivi per comunicazioni future.
- conservati in una forma che consenta l'identificazione dell'interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati.
- I dati possono essere archiviati su server SitoPer.it oppure in copia di sicurezza archiviati dal proprietario del sito internet.
AMBITO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI
- I dati da Lei forniti saranno trattati esclusivamente da personale esplicitamente incaricato con strumenti automatizzati e potranno essere comunicati a terzi solo nel caso in cui ciò sia necessario per la fornitura del servizio e/o del prodotto richiesto.
- I dati possono essere accessibili da amministratori ed utenti gestori del sito internet

MISURE DI SICUREZZA
I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati, anche in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico, alla natura dei dati e alle specifiche caratteristiche del trattamento, in modo da ridurre al minimo, mediante l'adozione di idonee e preventive misure di sicurezza, i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati stessi, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta.

NATURA DEL CONFERIMENTO E CONSEGUENZE DI UN EVENTUALE RIFIUTO DI RISPONDERE
Il conferimento dei Suoi dati (limitatamente ai dati richiesti come obbligatori) è obbligatorio poiché, in mancanza, potrebbe risultare pregiudicata la possibilità di recapitaLe una risposta. Gli ulteriori dati (i dati opzionali) sono facoltativi ed il loro mancato conferimento non inficia la possibilità di ottenere risposta da parte nostra.

Per maggiori informazioni visita il sito del garante per la protezione dei dati personali:
Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali
(http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento di dati personali è Radio Sportiva, Priverno S.a.s., Via G. Da Verrazzano 16, 56038 Ponsacco (PI), Tel. 0587 2861 - e-mail: redazione@radiosportiva.com
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio