07 Giugno 2020
News

Udinese, Pozzo: "Ripresa Serie A non prima del 27-28 giugno. Bundesliga? Venduta come un trionfo, ma..."

18-05-2020 17:34 - News
Ai microfoni di Radio Sportiva è intervenuto il patron dell’Udinese e del Watford Giampaolo Pozzo:

Sul momento del calcio: “Una esperienza che difficilmente si potrà mai ripetere in una esistenza, adesso serve pazienza e pian piano uscirne fuori però è stata una situazione incredibile, davvero similare ad una guerra”.

Sulla ripartenza del campionato: “Non sono scettico mi hanno dato questa etichetta ma non è cosi. La mia volontà è quella di far giocare ma i calciatori sono fermi da due mesi e mezzo in casa e si allenano solo da quindici giorni, per questo la nostra preoccupazione essendo loro il nostro patrimonio è che abbiano il tempo per farlo. Non dobbiamo fare errori e aggravare una situazione critica e difficile. Riprendere il 13 giugno? Sappiamo tutti a partire dai preparatori il tempo necessario per gestire una pausa estiva; questo invece è un blocco di due mesi in casa senza precedenti e serve almeno un mese o un mese e mezzo di preparazione atletica per affrontare i campionati nella maniera adeguata. Questo è il punto di fermo, ma qualcuno ora sembra essersene dimenticato puntando al 13. Ma il conteggio va aggiornato visto che gli allenamenti attuali con ripresa graduale non sono sedute che contano, prima di fine mese non si fa sul serio con le sedute vere tra lavoro fisico, palla e contatti. Da li va aggiunto un mese, quindi giocando non prima del 27-28 altrimenti come dimostra l’esperienza sommiamo una raffica di infortuni e problemi muscolari che terranno i giocatori fermi per mesi. Sarebbe surreale fare una preparazione del genere”.

Sulla gestione della quarantena: “Mi affido al comitato tecnico scientifico, ma i giocatori se stanno attenti e si muovono con prudenza oltre alle verifiche con i tamponi, potrebbe non esserci alcun caso o gestire quelli isolati”.

Sulla Bundesliga: “Sono ripartiti peggio che non si poteva nonostante lo abbiano venduto come un trionfo ma è successo quello che si prevedeva a livello di infortuni. 8 lesioni nelle prime 6 partite, altrettante solo per il Borussia Dortmund dopo una singola giornata. La riprova che se non fai una buona preparazione paghi il conto. E il tutto con una partita a settimana mentre noi dovremmo farne due, per cui servirebbe una rosa di 30 giocatori per arrivare in fondo ed ammortizzare tutti gli infortuni”.

Su possibili allenamenti non consentiti dalle norme: “Qualcuno fa il furbo? Lo dico perché ho le prove documentali di ciò che si è verificato, tanto è vero che la Figc ha preso provvedimenti mandando gli ispettori a fare controlli. Non ho fatto denuncia alla procura federale ma ho fatto le mie verifiche dopo aver sentito qualche voce e grazie ai miei rapporti ho controllato. In Italia c’è sempre qualche furbetto ma non va bene”.

Sul Parma che ha iniziato il ritiro: “Va bene qualche giorno di ritiro ma farlo da adesso a fine campionato, quasi tre mesi è allucinante, alienante, disumano, cose che per logica non si possono fare. Una strada su cui va trovato un compromesso”.

Sul Watford e la strada inglese: “Là c’è ancora grande confusione, in Inghilterra il virus galoppa e non si possono fare programmazioni certe ed essere prudenti come ha fatto con saggezza il nostro governo perché l’unica medicina efficace contro la pandemia è l’isolamento e il distanziamento”.

Su accusa di preferire lo stop alla retrocessione: “Sono illazioni perché non ci sono neanche i criteri definiti su come gestire lo stop tra cristallizzare la classifica o play off e play out”.

Sulla lettera mandata in lega: “E’ nata perché avevo due medici che erano scossi così come i dirigenti che rispondono penalmente della questione virus sulle responsabilità a cui andavano incontro. Ho scritto al ministro dello sport una richiesta di scudo penale nei confronti dei nostri dirigenti-medici perché problema è ancora aperto a livello generale, non solo per il calcio, non sapendo da dove arriva il contagio. Se uno si ammala e porta il virus a casa e un parente muore di chi è la colpa? Solo per questo ho scritto non certamente sul ritardare l’inizio del campionato o altro ma sono subito stato bollato come uno contrario
alla ripresa della serie A”.
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Per qualsiasi richiesta di informazioni effettuata tramite questo sito si considerano valide le informazioni sotto riportate
Dati personali relativi agli utenti (art. 13 D.Lgs. 196/2003)
Gentile utente, nel ricordarle che siamo a Sua disposizione per ogni ulteriore delucidazione, in relazione ai dati personali a noi necessari per poter dare esito alle Sue richieste e nel rispetto di quanto previsto dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), in particolare dagli artt. 13 (Informativa) e 23 (Consenso), Le forniamo le seguenti informazioni:

Per poter entrare a far parte della comunità on-line di Radio Sportiva e accedere ad alcuni servizi (richieste di informazioni, richieste di registrazione) è necessario effettuare la registrazione al sito (www.radiosportiva.com). Durante la registrazione all'utente sono richiesti dati personali.

I dati vengono archiviati in una banca di dati e trattati secondo l'art. 7 - Codice in materia di protezione dei dati personali - Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

FINALITA' DELLA RACCOLTA E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
I Suoi dati vengono raccolti per poterla contattare in caso di problemi, per poterle inviare informazioni generiche, comunicazioni di aggiornamenti etc.

DIRITTI DELL'INTERESSATO - UTENTE
In base a tale articolo l'utente ha il diritto di ottenere:
- l'aggiornamento, la rettifica e l'integrazione dei dati che lo riguardano;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge,
- l'interessato ha il diritto di opporsi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, sebbene pertinenti allo scopo della raccolta;
- ha il diritto di opporsi al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
- la conferma o meno di dati che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;
- l'indicazione dell'origine dei dati personali, delle finalità e modalità di trattamento, della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici, degli estremi identificativi del titolare e del responsabile e dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati;
MODALITA' DEL TRATTAMENTO
I dati personali oggetto di trattamento sono
- trattati in modo lecito e secondo correttezza
- raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento in termini compatibili con tali scopi;
- esatti e, se necessario, aggiornati;
- pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati;
- È prevista l'adozione di ogni misura idonea a garantire la riservatezza e la sicurezza dei Suoi dati personali che, unitamente alla richiesta formulata, giungeranno sotto forma di mail ai nostri indirizzi (redazione@radiosportiva.com). I suoi dati potranno essere mantenuti nei nostri archivi per comunicazioni future.
- conservati in una forma che consenta l'identificazione dell'interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati.
- I dati possono essere archiviati su server SitoPer.it oppure in copia di sicurezza archiviati dal proprietario del sito internet.
AMBITO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI
- I dati da Lei forniti saranno trattati esclusivamente da personale esplicitamente incaricato con strumenti automatizzati e potranno essere comunicati a terzi solo nel caso in cui ciò sia necessario per la fornitura del servizio e/o del prodotto richiesto.
- I dati possono essere accessibili da amministratori ed utenti gestori del sito internet

MISURE DI SICUREZZA
I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati, anche in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico, alla natura dei dati e alle specifiche caratteristiche del trattamento, in modo da ridurre al minimo, mediante l'adozione di idonee e preventive misure di sicurezza, i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati stessi, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta.

NATURA DEL CONFERIMENTO E CONSEGUENZE DI UN EVENTUALE RIFIUTO DI RISPONDERE
Il conferimento dei Suoi dati (limitatamente ai dati richiesti come obbligatori) è obbligatorio poiché, in mancanza, potrebbe risultare pregiudicata la possibilità di recapitaLe una risposta. Gli ulteriori dati (i dati opzionali) sono facoltativi ed il loro mancato conferimento non inficia la possibilità di ottenere risposta da parte nostra.

Per maggiori informazioni visita il sito del garante per la protezione dei dati personali:
Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali
(http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento di dati personali è Radio Sportiva, Priverno S.a.s., Via G. Da Verrazzano 16, 56038 Ponsacco (PI), Tel. 0587 2861 - e-mail: redazione@radiosportiva.com
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account