"Non è stato Donnarumma a chiedere 6,5 milioni di stipendio..."

22-10-2018 17:48 -

Bruno Longhi è intervenuto in diretta su Sportiva per rispondere alle domande degli ascoltatori in "Microfono Aperto"

SULLO SCONTRO BIGLIA-NAINGGOLAN: "Si entra in un terreno minato. A caldo si vede l'entrataccia di Biglia e pensavo che ci fosse il rosso per lui. Rivisto, ho notato un gesto abbastanza grave di Nainggolan, ma evidentemente gli arbitri hanno valutato il tentativo di difesa da parte sua. Sono situazioni talmente al limite che c'è chi la vede in un modo e chi in un altro".

SU DONNARUMMA: "Non è lui che ha chiesto 6,5 milioni al Milan. C'è stata un'evoluzione tale che il club ha preferito, piuttosto che cederlo all'estero, dare soldi al ragazzo, ingaggiando anche il fratello. Si è ritrovato con un contratto cospicuo. Poi non è che perché guadagni 6,5 milioni hai il posto fisso. Bisogna vedere se l'infortunio di ieri sera potrà avere ripercussioni nel proseguo della sua carriera, ma, visto che non è la prima volta che gli capita, il suo percorso passa anche attraverso situazioni di questo tipo. Non puoi però al 93' andare avanti tre passi e non calcolare la traiettoria del pallone: è incomprensibile il tentativo di andare avanti e poi tornare indietro. Tutti i preparatori dei portieri mi hanno sempre parlato di lui come di un fenomeno, ma che deve migliorare da un punto di vista tecnico, perché talvolta incappa in questi errori, che sono figli di un'impostazione tecnica non ottimale. Non penso, comunque, che debba essere accantonato"

SU CANDREVA: "E' forte, è un Nazionale. Inorridisco quando vengono contestati certi tipi di giocatori. L'azione del gol di Icardi nasce da lui".

SULLE PAROLE DI GATTUSO: "L'allenatore difficilmente trova nei propri giocatori degli imputati. Cosa doveva dire, che doveva perdere 3-0? Ha detto quello che avrebbe detto una persona sensata. Altrimenti, di fronte a una dichiarazione del genere, qualcuno avrebbe potuto chiedergli le dimissioni... Mi aspettavo un Milan che giocasse bene ed è stato sorprendente vederlo giocare così male, così come è stato sorprendente vedere che l'Inter è riuscita a giocare più tecnicamente che fisicamente".

SU DONADONI AL MILAN: "Bisogna stare tutti più tranquilli, perché fino alla scorsa settimana abbiamo tutti elogiato Gattuso. Perdere il derby al 93' fa male, ma non bisogna buttare a mare tutto quello che è stato fatto. Probabilmente il Milan si è reso conto che quando giocherà contro squadre che hanno un urto importante dovrà adottare delle contromisure e non potrà usare lo stesso approccio delle gare contro Sassuolo e Chievo".