"Sarri non era giusto per il Napoli, aveva la mentalità sbagliata"

24-10-2018 18:18 -

Giuseppe Savoldi, ex bomber del Napoli e non soltanto, è intervenuto durante la Diretta Sportiva introducendo i temi della gara degli azzurri contro il PSG e non soltanto.

Su PSG-Napoli: "La squadra di Ancelotti farà sicuramente una buona partita, lui è un allenatore di grande esperienza a livello europeo e non si farà trovare impreparato in una gara importante come il PSG.
Il punto forte dei francesi è un attacco stellare a trazione anteriore, c'è da sperare che si sbilancino in avanti e lascino qualche spazio indietro. Anche il Napoli non sarà da meno: davanti ha giocatori di tutto rispetto che se sono in serata potrebbero far fare il salto di qualità che i tifosi sperano”.

Sulle differenze fra Ancelotti e Sarri: "Sarri ha continuato a far giocare la squadra con gli stessi giocatori e non ha vinto niente. Ancelotti, invece, non solo ha dato impulso diverso alla squadra, ma ha portato la rotazione indispensabile per garantire continuità e forza alla squadra. Due moduli diversi e un'impronta diversa, quella di Ancelotti è la mentalità giusta.
È facile dire che la squadra ha l'80% di possesso palla e gioca bene, ma se alla fine non ottiene niente preferisco un allenatore che rischia qualcosa di più e che guardi un po' più lontano. Dò pienamente ragione a De Laurentiis (che ha parlato di un Sarri allenatore per se stesso n.d.r.): con tutte le sue carenze ha capito alla fine che Sarri non era l'allenatore giusto per il Napoli. Ha bisogno di un allenatore che sia vero e a 360°".

Sulla Juventus in Europa: "Spero che sia la favorita per la vittoria finale perché è una squadra italiana, sta dimostrando di volere l'obiettivo e cercarlo fortemente. Ha fatto grandi acquisti per dimostrare che vuole arrivare a vincere la Champions ed è sulla strada giusta. Ieri ha fatto un'ottima gara".