"L'unico ad aver perso la dignità in questa vicenda grottesca è Ventura"

13-11-2018 16:50 -

Raffaele Tomelleri, storica firma dell'Arena di Verona, è intervenuto a Sportiva per commentare la fine dell'esperienza di Ventura sulla panchina del Chievo: “Era un epilogo scontato già da domenica sera, menomale che non è diventata una telenovela. È una vicenda che ha nel grottesco: Ventura probabilmente per troppa voglia ha fatto una scelta sbagliata. Non poteva essere l'allenatore del Chievo perché non c'entrava nulla con questa realtà. Probabilmente recitava una parte non sua e ha resistito finché ce l'ha fatta. Quello che stupisce non è tanto il fatto che non possa sentirsi a suo agio, quanto che abbia sbagliato tempi e modi. Avrebbe potuto fare la conferenza domenica, poi chiamare il presidente e dirgli che non ce la faceva. Così sembra di essere tornati indietro di un anno: ne esce male l'allenatore e anche l'uomo. L'unico ad aver perso la dignità in questa vicenda è Ventura: è stata tradita la fiducia della società e il rispetto dei tifosi. Se il Chievo ha una minima possibilità di salvezza, non poteva certo coltivarla con Ventura".