"Tifosi bianconeri bersagliati perché la Juve vince sempre"

23-11-2018 11:19 -

Questi gli interventi di Gianfranco Teotino nel "Microfono Aperto":
Ancelotti? Ha dettagliato meglio quanto detto qualche giorno fa. Per gli insulti il regolamento non consente di interrompere le partite. Per cori sessisti o razzisti questa possibilità c'è già. Il razzismo deve essere stroncato sul nascere e lo stesso segnale deve essere dato da Federazione e Lega Calcio. Andare allo stadio non è come andare a teatro, un minimo di possibilità di sfogarsi ci dev'essere. Dove però gli insulti hanno una connotazione sessista o razzista questi devono essere combattuti, a tutela dei valori e dei principi morali dello sport.
Ibra al Milan? Perché no? Ha una certa età ma è utile, sempre che il Milan possa tesserare a gennaio. E' un grande professionista, simile a Ronaldo nella voglia di migliorarsi sempre. Può aiutare ancora le grandi squadre. Higuain? Per altri 2-3 anni può dare ancora un grandissimo contributo. La possibilità di crescita dei rossoneri è più facile con lui. Deve però essere tranquillo e sereno, quello nervosissimo delle ultime partite non servirebbe.
Juve? I suoi tifosi sono bersagliati in ogni stadio per ragioni sportive, perché la Juve vince sempre e questo porta a una forte componente di tifo antijuventino. I giornalisti però non alimentano questa componente e non sarebbe nemmeno intelligente farlo, dato che si parla di 11-12 milioni di tifosi bianconeri.
Modric? Non sta giocando benissimo ma non credo che il Real lo lasci partire subito, a meno che non trovi un grandissimo campione che lo sostituisca.
Vendita Palermo? Non ho una risposta, dato che è la quarta volta che la vendita va in fumo. Sono scettico perché non capisco le trattative di cessione delle società senza conoscere nome e cognome dell'acquirente. Si può tenere segreto fino all'ultimo, ma poi bisogna dire chi è il compratore, altrimenti vengono sospetti maliziosi. I tifosi non vogliono essere più presi in giro.
Vettel? Mi ha sorpreso questa intervista autoassolutoria. E' vero che Mercedes è una grandissima scuderia, ma lui di errori ne ha commessi un po' troppi. Non penso sia un fuoriclasse ma è un grande campione.