"Vettel-Leclerc, occhio agli attriti. Se il francese facesse bene..."

23-11-2018 13:57 -

Il collega de La Stampa Stefano Mancini ha analizzato ai nostri microfoni la stagione della Ferrari e gli scenari futuri che ruotano attorno alla scuderia di Maranello. Ecco le sue considerazioni:

Su Raikkonen: "L'ho intervistato, era contento perché comunque lascia la Ferrari ma non la Formula 1 e ha ancora molta voglia di dire la sua. È allegro - anche se può non sembrare - e non si può litigare con lui. È più libero ora che non dovrà essere una seconda guida. Probabilmente nella sua carriera come nell'esperienza alla Ferrari ha raccolto meno di quanto poteva meritare, ma ci sta".

Su Vettel-Leclerc: “Sono entrambi molto caldi a livello di carattere. Se per caso il francese dovesse fare molto bene da subito potrebbero nascere attriti fra i due piloti".

Sulla stagione del Cavallino: “Il tracollo è cominciato in Germania con l'uscita di Vettel. La Ferrari ha via via perso prestazioni. Secondo me siamo sul 50 e 50: l'ha perso Vettel ma è stato bravo Hamilton”.


Sul ritorno di Kubica: “Sui risultati sono pessimista, troverà macchine diverse e non è più giovanissimo. Inoltre guiderà la Williams, che è arrivata ultima in classifica in questa stagione".