"E' insopportabile l'idea di essere stati eliminati dall'Olympiacos"

14-12-2018 16:25 -

Carlo Pellegatti, storico tele-radiocronista del Milan, è intervenuto in diretta a Sportiva per commentare il momento rossonero dopo l'eliminazione dall'Europa League.

SULLE PAROLE DI LEONARDO: "L'atmosfera ha influito zero, l'arbitraggio sì. Come ha detto intelligentemente Gattuso, che ci rappresenta sempre bene, non ce la prendiamo con l'arbitro perché, tranne che sul 2-0, non ho visto una squadra che impone il gioco a livello di qualità e spaventa l'avversario. D'altronde, il Milan senza Suso perde tantissimo, perché Calhanoglu non riesce ad emergere e Higuain aiuta la squadra, ma non segna. Perdere e uscire in quella maniera è una cosa che rende tristi i tifosi".

SULLE POSSIBILI RIPERCUSSIONI: "Cinicamente, devo dire che purtroppo i giocatori hanno già reagito brillantemente a tante altre batoste, come il 4-0 con la Juve in finale di Coppa Italia, oppure la sconfitta di Verona o il gol del portiere del Benevento dell'anno scorso. Questa è una batosta veramente pesante, perché il Milan ha una valenza in Europa ed è insopportabile l'idea di essere stati eliminati dall'Olympiacos".

SULLA CORSA AL QUARTO POSTO: "Non mi pare che negli anni scorsi, quando il Milan non era in Europa League come sotto la gestione di Seedorf o di Leonardo, che siano arrivati grandi trionfi… Non c'è una regola in questo senso. Secondo me, il Milan, con il rientro degli infortunati e i rinforzi di gennaio, era già favorito per il quarto posto".

SU GATTUSO: "Ora avrà gli strali di tutti, ma mi auguro che la società lo esamini alla fine di questa vicenda perché, tolti Conte, Klopp e Guardiola, che non verranno, non vedo molti allenatori 'da Milan' in giro...".