"La tecnologia fa evitare gli errori: se non si usa è sospetto"

19-12-2018 17:47 -

Maurizio Biscardi, durante il microfono aperto con gli ascoltatori di Sportiva, ha risposto alle domande in diretta. Ecco i principali passaggi:

Sul VAR: "Nella mentalità generale del calcio si lavora sempre per migliorare, anche se non sempre ci si riesce. Gli arbitri credono di essere intoccabili e non si accorgono che intorno a loro il mondo cambia
. Il fuorigioco 'con il microchip' è difficile da attuare, si parla di persone in movimento e di millimetri. Il sistema, in ogni caso, funziona se viene fatto rispettare. Per determinare il fuorigioco sarebbe fondamentale stabilire quando è esattamente considerabile partito il pallone dal piede di chi calcia. Capirlo dai frames non è facile"

Sull'uso della tecnologia: "Siccome ci sono gli strumenti per fare le cose per bene, il fatto che non si voglia fare è colpevole e sospetto. Qualche errore forse è voluto..."

Su Wanda Nara: "Per come la vedo io, Icardi può giocarsi un grande club con queste dichiarazioni della moglie-agente. Non fa piacere che ci sia un procuratore che twitta e scrive ogni giorno anche cose così private. Le trattative si fanno in silenzio e in segreto. Sono convinto che già molti club hanno virato su altri profili"
.

Sugli errori 'pro-Juve': "Molto spesso, quando una decisione avviene a favore della Juve diventa un caso nazionale. I bianconeri vincono perché sono più forti, poi spesso ha avuto sviste a favore ed è un altro discorso. Ed è indiscutibile. La sudditanza psicologica esiste".