"Va eliminato il tifo contro. Koulibaly? Non ha fatto il professionista"

19-01-2019 11:04 -

Bruno Longhi, durante il microfono aperto di Sportiva, ha risposto alle domande in diretta degli ascoltatori. Ecco i principali temi trattati:

Su Ronaldo: "Alla Juve sta facendo bene, fugando i dubbi del passaggio dalla Liga alla Serie A. Ramsey? La logica impone di aspettare giugno, anche perché la squadra è attrezzata. Mbappé? Un sogno irrealizzabile
".

Su Ventura: "Se capita una disfatta come quella della #Nazionale è difficile togliersi il peso. Concedo l'attenuante di qualche dichiarazione per provare a riscattarsi. Salvarsi da una situazione del genere non è facile
".

Sui cori discriminatori: "I 'buu' li ho sentiti in molti stadi, è un modo per scagliarsi contro gli avversari specie quelli più individuabili. Ci saranno senza dubbio eccellenze, per fortuna
. Io sono convinto che chi ha fatto i 'buu' non li farebbe in faccia a Koulibaly: se i tifosi fossero davvero razzisti dovrebbero fischiare anche i propri giocatori. Se si eliminassero sarebbe molto meglio per tutto il calcio italiano".

Sul Bologna: "La salvezza è possibile, Sansone e Soriano vengono da un momento difficile e se Inzaghi riesce a farli tornare nei loro standard daranno grande aiuto. Con un altro paio di acquisti riuscirà a salvarsi"

Su Koulibaly: "Ha sbagliato ad applaudire, doveva essere professionista in campo. Quello di #Insigne è poi stato il classico fallo di frustrazione
".

Sui tifosi: "Mi piacerebbe che si eliminasse il tifo contro, così come la visione in chiave fideistica della propria squadra. Bisogna restare con i piedi per terra, senza andare a lambiccarci su cose strane per cercare il complotto".