"Spalletti è un buon allenatore ma non ha mai un'invenzione"

20-01-2019 11:10 -

Stefano Cecchi è intervenuto in diretta a Sportiva per rispondere alle domande degli ascoltatori in "Microfono Aperto".

SU BONUCCI: "Non si è mai capito perchè Bonucci sia andato al Milan, alla Juventus ha riscoperto se stesso ma c'è da chiedersi quanto sia aiutato dal telaio di squadra".

SU HIGUAIN: "Higuain ha fatto cose enormi anche in squadre minori, ma dentro quella testa qualcosa di strano c'è: la recente vicenda della Supercoppa dice che ha messo mille cose davanti rispetto alla fame di vincere una partita".

SUL RAZZISMO NEGLI STADI: "Anche io sono contrario a squalificare un intero stadio o un'intera curva, la responsabilità è sempre personale. Rivendico il diritto a tifare contro, ma attacco con forza chi travalica e fa buh a un uomo di colore: è mostruoso, chi lo fa è un razzista".

SU CALCIOPOLI: "Calciopoli è stata la pagina più vergognosa del calcio degli ultimi 50 anni, si è chiusa con delle sentenze passate in giudicato e che lasceranno mille strascichi, ma noi che amiamo il calcio chiudiamola qui, anche se ognuno poi si tiene le sue convinzioni".

SU GENOA-MILAN ALLE 15: "Quando si prendono certe decisioni l'ultimo interesse che si difende è quello del tifoso: perchè il lunedì alle 15 un abbonato dovrebbe essere a disposizione per una partita e non lavorare?".

SU SPALLETTI: "Spalletti è un buon allenatore ma spesso le sue squadre hanno delle pause da cui lui difficilmente riesce a uscire con una invenzione. Gli manca la lettura della gara e l'idea che stravolge la partita".

SU PIATEK AL MILAN: "Fossi un tifoso del Genoa sarei infuriato per la cessione di Piątek, ormai un giocatore rimane solo sei mesi in una squadra".