"Anche con l'eliminazione dalla Champions per la Juve non sarebbe un fallimento"

22-02-2019 17:49 -

Pierpaolo Marino, durante il microfono aperto, ha risposto in diretta alle domande degli ascoltatori di Sportiva. Ecco i principali temi trattati:

Sulla sconfitta in Champions dei bianconeri: "La Juve è arrivata a Madrid non nelle migliori condizioni fisiche né di rosa ed ha affrontato la gara con un deficit di cattiveria agonistica che è stato invece il fattore trainante dell'Atletico. Mi rifiuto di dire che quella della Juve possa essere una stagione fallimentare vincendo lo scudetto. Una squadra che conquista il titolo è abituata a vincere e sarebbe delusa da un'eliminazione, ma non si può parlare di fallimento".

Sul Napoli senza DG: "Non ne ha bisogno, perché De Laurentiis si dedica al club in prima persona. I risultati sono in linea con il progetto di crescita iniziato in precedenza, per il futuro bisogna rifondare l'attacco e mantenere in organico Ruiz e Zielinski
".

Sulla situazione Icardi: "Per me è chiara: all'interno dello spogliatoio si è rotta la fiducia verso un capitano da parte del gruppo. Ci sono stati motivi legati al comportamento di Wanda Nara che hanno infastidito la squadra e la società ha dovuto avallare la scelta
".

Su Godin: "Non è da scartare un modulo con la difesa a 3 per l'Inter del futuro. Con Skriniar e De Vrij sarebbe un grandissimo reparto
".

Su Allegri:"L'allenatore è spesso inviso alla tifoseria della Juventus. La sconfitta di Madrid ha palesato qualche problema nel temperamento e nella carica agonistica, soprattutto nella seconda parte della gara
".

Su De Laurentiis: "Da un punto di vista caratteriale, ha poca umiltà ed è convinto di conoscere bene ogni meccanismo. Ha però anche tante doti che fanno di lui un grande manager
".

Su Dybala: "In Serie B argentina è stato capocannoniere giocando da centravanti. Quello è il suo ruolo, al massimo seconda punta dietro a uno più fisico. Ora lo vedo 'triste' in campo: non gli manca l'impegno ma sente la lontananza dalla porta
".

Su Conti: "Secondo me si esalta a giocare a cinque, ruolo che faceva nell'#Atalanta Primavera. Sa fare la fase difensiva ma può proporsi bene, lo dimostrano i gol fatti in nerazzurro"
.