"Fra Conte e Mourinho sceglierei Conte tutta la vita"

02-03-2019 11:09 -

Così il nostro Bruno Longhi nel Microfono Aperto di Radio Sportiva.

SULL'INTER - "In questo momento la situazione è difficile sia per l'Inter che per Icardi: la squadra non ha il suo centravanti e il club rischia di svalutare il giocatore, però bisogna sopravvivere, anche se sicuramente la vicenda poteva essere gestita meglio. Non è che improvvisamente Spalletti ha deciso di fare la guerra a Icardi, Icardi si è tirato la zappa sui piedi da solo in compartecipazione con la moglie: se Wanda Nara non avesse detto nulla Icardi avrebbe ancora la fascia di capitano. Ho visto un Cagliari che per un'ora ha completamente asfissiato l'Inter: quando hanno capito che dovevano correre come quelli del Cagliari hanno provato a rimettersi in partita, ma la squadra del bravissimo Maran ha giocato un match magistrale. Fino a ieri sera alle 20.30 si diceva che l'Inter si era ripresa, oggi c'è una battuta d'arresto e si cambia completamente registro: l'Inter è volubile e i suoi tifosi lo sono altrettanto"

SUL MILAN - "Sono sempre stato ottimista sulla possibilità del Milan di conquistare la qualificazione alla Champions League: dal punto di vista atletico la squadra non sta benissimo quindi la attende un rush finale difficile, ma Gattuso sta facendo un grande lavoro e può essere fiducioso".

SULLA PANCHINA DELL'INTER DEL FUTURO - "L'eventuale fallimento di Spalletti potrebbe aprire le porte a Conte, so che vuole tornare in Italia ma al momento è troppo difficile fare previsioni e non ho notizie certe. Il rapporto Allegri-Marotta è consolidato, mi arrivano voci su un alterco del tecnico con la proprietà bianconera, ma dare certezze in questo momento non si può. Di sicuro bisogna considerare che l'Inter ha in panchina un signor allenatore come Spalletti. Se mi mettono sul piatto della bilancia Conte e Mourinho prendo Conte tutta la vita perchè Mourinho ha bisogno di una squadra fortissima da gestire"

SU DYBALA - "Messi ha vinto tre palloni d'oro a 25 anni perchè giocava in una squadra che gli ha dato l'opportunità di vincere tutto. Dybala non ha vinto quello che ha vinto Messi ma io facessi l'allenatore lo prenderei subito nella mia squadra. Lo scambio Dybala-Icardi converrebbe più all'Inter mentre la Juventus si troverebbe due attaccanti che non partecipano alla manovra, però nel caso in cui ci fosse questo scambio entrambe le società farebbero delle grandi plusvalenze"".

SULLA JUVENTUS - "Io penso che la Juventus abbia il 49% di passare il turno in Champions League perchè si gioca in uno stadio che è un fortino per la Juve e perchè l'anno scorso ha già quasi sfiorato la rimonta col Real Madrid. All'andata da parte di Allegri c'è stata una sopravvalutazione delle capacità tecniche dei suoi giocatori e una sottovalutazione delle qualità dell'Atletico Madrid".

SUL NAPOLI - "A un certo punto ho pensato che il Napoli potesse tornare in corsa per lo scudetto, ma a - 13 è difficile, anche se dovesse vincere domani sera, soprattutto contro una squadra che ha tenuto una media così impressionante"