"Penso che Conte tornerà in Italia, destinazione Inter"

29-03-2019 14:39 -

Stefano Agresti, durante il microfono aperto con Sportiva, ha risposto alle domande in diretta degli ascoltatori. Ecco le sue considerazioni:

Sulla cessione della Samp: "C'è una trattativa in atto per comprare la Samp, al di là delle parole di Ferrero. Anche se molti tifosi lo contestano, ha ottenuto ottimi risultati tenendo sempre la squadra a buoni livelli. Ovvio che l'idea di Vialli sia molto affascinante".

Su Kean: "Se la Juventus dovesse cedere Kean non lo farebbe per le richieste di Raiola, perché l'intesa dovrà essere anche tecnica oltre che economica. Ovviamente, le offerte sono arrivate e la Juve le valuterà. Lui può trovare spazio nella Juve anche se non è facile, dovrebbe dimostrare di essere competitivo con i tanti che ha davanti. Può giocare nel 4-3-3 anche come esterno d'attacco e tutto dipenderà da come procederà la sua crescita".

Sulla difesa della Juve: "Credo che la Juve prenderà un centrale difensivo importante, Chiellini e Bonucci sono a fine carriera. Rugani ha rinnovato ma non convince del tutto, il principale obiettivo è De Ligt (Ajax), ma piace anche Alderweireld del Tottenham".

Su Conte: "Penso che possa tornare in Italia. Ha avuto offerte dal Real prima che andasse su Zidane. Penso che possa sedersi sulla panchina dell'Inter al posto di Spalletti. Mi pare difficile che possa scegliere il Milan o la Juve".

Su Cutrone: "Piatek in questo momento gli sta chiudendo la possibilità di giocare titolare. Il Milan dovrà decidere se puntare su di lui, certo è che una grande squadra ha bisogno di due centravanti importanti. Si è mosso il Torino su di lui. Ha giocato poco, quindi #Mancini non lo ha chiamato in Nazionale. Ha grandi qualità ed è apprezzato, ha giocato con l'Under 21 e credo che ne farà parte fino all'Europeo".

Su Milik: "A Napoli è un punto fermo, segna molto e partecipa al gioco della squadra. Penso che il Napoli abbia accarezzato il sogno di unirlo a Icardi, anche se l'argentino guarda ad altre squadre".

Sulla questione Icardi: "Ero pessimista su Icardi, ma ora che si è riunito ai compagni la situazione può anche ricomporsi. Resto convinto su un probabile addio, ma devono comporsi ancora molti tasselli. Se dovesse arrivare Conte potrebbe anche metterlo al centro del progetto".

Sul finale di stagione del Milan: "I rossoneri hanno perso il derby perché hanno giocato peggio dell'Inter. Non la ha certo considerato una partita da prendere alla leggera. L'ambiente ha sofferto una sconfitta, adesso vuole concentrarsi sulla Champions e sulla Coppa Italia".