"Classifica del Milan non influenzata dagli arbitri. Se si pensa questo, invito i tifosi a fare altro la domenica"

08-04-2019 11:05 -

Questi gli interventi più significativi di Sandro Sabatini nel 'Microfono Aperto':

SU JUVE-MILAN: C'èra il rigore sia per il Milan che per la Juve. Dybala protegge il pallone come suo diritto. Sul gol annullato a Kean? Non c'èra nessun fallo di Bonucci su Romagnoli. Milan? Non penso che la classifica sia influenzata dagli arbitraggi di quest'anno. Se si pensa solo alla malafede, invito i tifosi a fare altro la domenica.

SULLA JUVE: Oltre alla concentrazione ha l'abitudine alla vittoria e sono riusciti a tenere alto il livello dopo 8 scudetti. La Juve ha tanti meriti e le altre squadre hanno tanti demeriti, tra cui concentrarsi troppo sugli arbitri. Si è parlato solo degli episodi arbitrali ma non si è parlato degli errori clamorosi di Bonucci e Calabria.

SU ICARDI: Paratici ha detto che questa estate la Juve aveva accarezzato l'idea di prenderlo. Tra le 2 Società c'è stato un cenno a parlarne.

SUL TORINO: Ha sbagliato la partita di Parma ma è sbagliato anche creare alibi ai giocatori sugli errori arbitrali. La politica di continuare ad avallare il vittimismo è deludente per una persona come Cairo.

SULLA GRIGLIA DELLA GAZZETTA: Era un'idea generale in base al rendimento delle amichevoli estive e degli investimenti di mercato. Nessuno lo dice ma il Milan è la squadra che da 2 anni spende più di tutti.

SULL'ATALANTA: Può giocarsi un posto in Champions. Ci vogliono anche gli interpreti, in attacco ieri è mancato qualcosa. L'Inter ha creato più pericoli. C'è una costante in questo campionato italiano: tranne Gasperini, tutti contestano il proprio allenatore.

SUL VAR: Nasce solo come supporto, ma l'ultima parola spetta all'arbitro. Altrimenti la figura dell'arbitro in campo non avrebbe senso. Gli assistenti invece sono stati limitati nel loro operato. In generale credo sia da evitare di mettere arbitri in campo, poi al var e di nuovo in campo. Ci vorrebbero carriere separate. Fabbri, che ora è nell'occhio del ciclone, è lo stesso che stava al Var e che non segnalò il rigore su Zaniolo.

SULLA FIORENTINA: Molto concentrata sulla Coppa Italia e poco sul Campionato.