Sabatini: "Il rimpianto per Spinazzola ci sta, ma non era titolare"

01-07-2019 11:08 -

Questi i temi trattati da Sandro Sabatini nel 'Microfono Aperto':

SULL'INTER: Dzeko e Lukaku? Al momento l'Inter si trova con 2 attaccanti forti, Icardi e Lautauro.

SUL NAPOLI: Con Manolas e Koulibaly ha fatto una grande difesa, e con Lozano e Rodriguez è immediatamente sul podio della serie A. Il Napoli sta construendo una bellissima squadra per il prossimo anno.

SUL MILAN: Ha accettato questa squalifica per ricominciare da zero. Krunić molto forte, Ceballos sarebbe una bella scommessa, poi il resto del mercato vediamo.

SULL'ATALANTA: Mina vagante si, ma non può certo arrivare allo scudetto. Quest'anno ha fatto il massimo, può arrivare di nuovo terza.

SU SPINAZZOLA: E' bravo ma non era un titolare. Il rimpianto ci sta, ma Spinazzola quante partite ha giocato bene? Quella con l'Atletico, ma è stata magica per tutti. Venduto a bilancio per 29 milioni non è poco.

SU DE LIGT: Se sa giocare al posto di Bonucci e Chiellini, la Juve in difesa è a posto per i prossimi 10 anni. 7 milioni di ingaggio a Rabiot sembrano tanti, ma mi sembrano di più i 12 milioni per De Ligt, un diciannovenne che va a guadagnare quanto Bonucci e Chiellini messi insieme.

SUL PALERMO: Un anno fa è successo al Bari. Dal punto di vista sportivo dispiace tantissimo, ma se ci sono delle leggi e delle regole devi accettarlo.

SU LAZARO E VERDI: Lazaro stato individuato da Conte per la fascia destra. Verdi è un buon giocatore ma Napoli per lui è stata una destinazione maledetta.

SUL MILAN: Giampaolo è un allenatore affidabile, ha dimostrato il suo valore e farà bene. Maldini va idolatrato ma come dirigente è alle prime armi. Boban ha una personalità strepitosa e sarà una piacevolissima riscoperta. Massara è molto bravo, è il DS che può servire.