Biasin: "Inter e Napoli hanno intenzioni serie, Serie A non sarà chiusa a novembre"

17-07-2019 17:33 -

Così Fabrizio Biasin nel Microfono Aperto di Radio Sportiva.

Sulla cessione di Spinazzola da parte della Juventus: "La motivazione principale è legata ai conti, da qualche parte i bianconeri devono reperire risorse"
Sulla Serie A verso un modello Premier: "Da qualche anno a questa parte ogni club fa i suoi interessi e compra i giocatori forti, italiani o stranieri non conta"
Su Icardi: "Ora è difficilissimo dire dove andrà a giocare, non ascolta niente. Cosa è successo? Più che una causa specifica è una somma di cose. Forse Wanda Nara, forse i rapporti nello spogliatoio, forse la voglia di cederlo da parte della società"

Su Candreva: "Sono fiducioso che con Conte possa ritrovare gli stimoli e fare bene. Poi non sarà un sicuro titolare, però sarà preso in considerazione"
Sul Milan: "Modric guadagna uno sproposito, fatico a crederci. Ai rossoneri serve una seconda punta. La volontà di arrivare a un certo tipo di giocatori non dipende dai dirigenti, ma dall'essere sotto osservazione da parte della UEFA"
Su De Paul al Torino: "Difficile, l'Udinese vuole monetizzare e quanto detto da Cairo entra in contrasto con questa necessità"

Su De Ligt e Godin: "Difensori all'opposto. L'uruguaiano è un centrale vecchia maniera e darà una mano nello spogliatoio. L'olandese è un giovanissimo difensore moderno e viene anche ad imparare da grandi campioni"
Sulla Roma: "Petrachi si è inserito bene, parla chiaro e sta costruendo una squadra a misura di Fonseca"
Sull'Inter: "È ancora distante dalla Juventus, però il tentativo è quello di accorciare e ce la può fare. Non immagino un campionato finito già a novembre, anche il Napoli ha intenzioni serie"