Rastelli (all. Cremonese): "Sarà una Serie B bella, incerta e affascinante"

19-08-2019 10:04 -

L'allenatore della Cremonese, Massimo Rastelli, è intervenuto in diretta a Sportiva per commentare il successo della sua squadra contro il Verona in Coppa Italia.

SULLA VITTORIA: "La prova di carattere è stata importante, perché il Verona è andato in vantaggio subito e ha creato un paio di occasioni per raddoppiare, mentre dall'inizio del secondo tempo abbiamo tenuto in mano la gara. Dai supplementari abbiamo aumentato il ritmo e ottenuto meritatamente una vittoria di grande orgoglio, contro una squadra di categoria superiore. La cosa che più mi è piaciuta è che i ragazzi si sono adattati alle difficoltà e la squadra è riuscita a trovare una sua fisionomia nonostante le assenze. Adesso archiviamo rapidamente la Coppa Italia perché l'attenzione è tutta rivolta all'esordio di sabato a Venezia in campionato".

SUL CAMPIONATO: "C'è grande entusiasmo perché gli ultimi 3 mesi della passata stagione hanno riportato i tifosi molto vicini alla squadra. Vorremmo ripartire con lo stesso spirito, la società si è mossa molto bene sul mercato, ma i veri banchi di prova inizieranno da sabato".

SUL MERCATO APERTO: "E' inspiegabile portare avanti un mercato per così tanto tempo e ritrovarsi giocatori che arrivano e magari hanno fatto mezza preparazione... Ormai ci siamo abituati, ma l'ideale sarebbe che il mercato potesse finire un po' prima".

SULLA PROSSIMA SERIE B: "Sarà la solita Serie B, negli ultimi anni ancora più affascinante, più bella e più incerta. Frosinone, Benevento, Empoli e Chievo sono le favorite, poi credo che la Salernitana, l'Ascoli e il Perugia abbiano fatto un buon mercato. Ci sono diverse squadre che sulla carta hanno qualcosa in più delle altre".

SUL CAGLIARI: "Conosco le ambizioni di Giulini e la passione della piazza. Credo che abbia sfruttato alla grande la cessione di Barella e investito subito per portare a casa giocatori all'altezza della piazza. L'asticella si alzerà, ma nell'anno del centenario credo che vogliano fare un campionato da protagonisti".