Uva (vicepres. Uefa): "Fair play grandissimo strumento per l'equilibrio e la trasparenza del sistema"

29-08-2019 14:49 -

Il vicepresidente della Uefa, Michele Uva, è intervenuto in diretta a Sportiva per presentare la nuova stagione europea.

SULLA PROSSIMA CHAMPIONS LEAGUE: "I dati dell'ultima Champions sono straordinari, siamo leader nel mondo che portano una leadership della Uefa anche sugli altri sport. Però ogni anno bisogna evolversi e quindi dal triennio 2021-24 ci sarà la terza coppa, con 16 squadre in più e di cui si sta decidendo il nome. La sfida è confermare la spettacolarità della competizione e magari aumentare il numero delle presenze degli spettatori nei primi turni. La cosa più bella è l'equilibrio tra le competizioni per club e i campionati nazionali, perché questi sono il motore dell'intero sistema".

SUL FINANCIAL FAIR PLAY: "Si studia quello che va e quello che non va, ma per me è stato un grandissimo strumento per l'equilibrio e la trasparenza del sistema. Sette anni fa il sistema delle società top delle divisioni in Europa perdeva 1,7 miliardi di euro, ora guadagna 600 milioni. Questo però non vuole dire che non debba migliorare in alcune regole che possano permettere la credibilità del sistema da un punto di vista economico finanziario e ricevere maggiori investimenti dal tutto il sistema".

SU EURO 2020: "La gara inaugurale presuppone uno sforzo maggiore, ma si vuole dimostrare che l'Italia è in grado di organizzare la gara di apertura che alcune volte è più importante anche della finale eprché è il momento in cui tutto il mondo guarda quello che succederà".