Pedretti (Finley): "I giocatori del Milan pensano ancora troppo ai dettami tattici di Giampaolo"

13-09-2019 12:31 -

Marco 'Pedro' Pedretti, cantante dei Finley e tifoso del Milan, ha parlato a Sportiva durante il nostro "Bar Sport".

SUL MILAN: "Dopo un inizio desolante a Udine, dove abbiamo visto un qualcosa di veramente brutto, ci siamo rimessi in carreggiata con il Brescia. Credo che i giocatori stiano pensando ancora troppo ai dettami tattici di Giampaolo. A Verona non abbiamo una tradizione positiva ma ci sono tutti i presupposti di fare bene, speriamo di vedere qualche nuovo giocatore in campo".

SUI GIOCATORI ROSSONERI DAI QUALI SI ASPETTA DI PIU': "Mi aspetto tanto da lui, contro il Brescia ha fornito tanti spunti interessanti. La sua visione di gioco può servire ad un Milan che cerca da anni un regista. Mi aspetto tanto anche da Theo Hernarndez, che ci serve come il pane, e sono curioso di vedere Rebic. Speriamo che il croato possa trovare l'ambiente giusto da noi".

SUL DERBY: "Di solito hanno la meglio gli sfavoriti... L'Inter ha acquistato giocatori interessanti e preso un tecnico che sa tirare fuori il meglio dai suoi giocatori. L'ultima volta non è andata bene da noi, speriamo di poter ribaltare i pronostici".

SUL NUOVO STADIO: "Sicuramente quando si parla di San Siro, si parla di qualcosa di sacro. I tifosi rossoneri e nerazzurri faranno fatica ad accettare un nuovo stadio, ci sarà da staccare un cordone ombelicale. Capisco però che ci siano necessità diverse".