Cataliotti (avvocato): "Solo per il fatto che si allenano, i calciatori vanno pagati"

22-05-2020 12:08 -

Jean-Christophe Cataliotti, procuratore e avvocato, così a Sportiva:

Su contratti dei calciatori: Situazione che crea problemi perché lo slittamento dei campionati dovrebbe comportare la proroga dei contratti stessi. Il problema più grande è sugli stipendi dei calciatori, che vanno onorati già solo per il fatto degli allenamenti.

Sugli stipendi dei calciatori: Si può discutere se l'allenamento a casa può essere considerato prestazione sportiva o no, ma il nostro ordinamento non transige e sbaglia chi vuole tagliare gli stipendi fino a quando non inizieranno i campionati.

Su Kulusevski: Bisogna capire quando terminerà la stagione sportiva, ma se il campionato fosse prorogato e il giocatore è ancora a disposizione del Parma, spetta al Parma pagare lo stipendio e prolungare il contratto.

Sul protocollo: Le squadre di Serie A possono affrontare questa situazione, quelle più piccole hanno difficoltà. Tommasi non dice mai cose ovvie, si preoccupa di tutelare non solo i calciatori di Serie A ma anche quelli delle leghe inferiori.

Sulla Serie C: I tribunali sono chiusi per le udienze ordinarie. Si parla di riforma ma il rischio è che molte squadre non riescano ad iscriversi e un aiuto economico ci sta eccome.