Ambrosetti: "David Silva? Quando uno è bravo la carta d'identità non conta"

29-07-2020 11:18 -

Così Gabriele Ambrosetti (ex centrocampista di Brescia, Vicenza e Chelsea) ai nostri microfoni:

David Silva? Sarebbe un grande colpo non solo per la Lazio ma per qualsiasi squadra, bisognerà vedere se il giocatore voglia affrontare un'avventura così importante come quella biancoceleste. Quando uno è bravo la carta d'identità non conta, va solo gestito. In Serie A si tende a prendere i giovani ma non si fanno giocare, invece i 'vecchi' si.

Jorginho? Ha sentito un po' la mancanza di Sarri, pertanto potrebbe andare alla Juve. Ha fatto una stagione di alti e bassi, ma è un giocatore importante.

Champions? Ci sono parecchie incognite. Da italiano spero che Juve e Atalanta vadano più avanti possibile, forse l'Atalanta è la squadra che in questo momento mette più paura. E' una mina vagante.

Eriksen? Le premesse erano importanti perché in Inghilterra aveva sempre fatto bene, ma giocare in Italia nell'Inter è un'altra cosa. Diamogli tempo.